La distruzione di Babilonia avanza

Articolo N. 103 Gli Israeliti che escono dall’Egitto portano con sé la falsa adorazione. Adoravano il sole già prima di entrare in Egitto e, uscendo da esso, si portano dietro anche tutte le divinità e le usanze religiose degli Egizi. Durante gli anni che vennero, l’idolatria li accompagnò sempre, anche nei periodi migliori. Alla fine … Leggi tutto La distruzione di Babilonia avanza

Tito: chi la fa l’aspetti.

 Articolo N. 102 Secondo Giuseppe Flavio i leader politici di Babilonia, Persia, Grecia e perfino Roma mostrarono curiosità e interesse per le profezie di Daniele. A quanto pare anche Tito e altri imperatori romani  ebbero rispetto per questo profeta vissuto nel VI secolo a.C.. Dopo aver predetto la morte del Messia, la profezia delle settanta … Leggi tutto Tito: chi la fa l’aspetti.

Gesù entra nella sua città come re

Articolo N. 101 I re entravano in Gerusalemme cavalcando asini. Davide, dopo aver giurato di far sedere sul trono suo figlio Salomone, ordinò a Zadoc, il sommo sacerdote, a Natan, il profeta, e a Benaia, la sua valorosa guardia del corpo, di prendere la sua mula e far cavalcare suo figlio Salomone fino a Ghihon … Leggi tutto Gesù entra nella sua città come re

Linee sacerdotali in movimento

Articolo N. 99 Diversamente da quanto si crede, dopo la morte di Mosè, il sommo sacerdozio cominciò ad essere esercitato anche tra i suoi discendenti e non esclusivamente nella casa di Aronne. Il figlio di Gherson, Gionatan, finì col creare un nuovo santuario, una filiale idolatrica dipendente da Silo ma ubicata a Dan. (Giudici 18:30-31) … Leggi tutto Linee sacerdotali in movimento

La regalità del Cristo

Articolo N. 98 Nei cinque decenni che precedono la nascita del Messia, la Giudea era precipitata in un vortice di intrighi internazionali. Si poté assistere a una serie infinita di esecuzioni a sfondo politico, di rivalità, vendette e omicidi nelle famiglie e tra fratelli di stirpe reale, macchinazioni perverse volte alla conquista e al mantenimento … Leggi tutto La regalità del Cristo