Il Gog di Magog detto Armaghedon

Articolo N. 126

Con questo articolo, il primo di una certa serie, andremo a considerare alcune tra le più oscure ed enigmatiche profezie della Bibbia, il cui adempimento è adesso in pieno svolgimento. Alcuni temi fondamentali vengono più e più volte ripresi nel testo biblico, ma modellati secondo un’iconografia diversa. In realtà si fondano sempre su un medesimo schema di base. Molti di questi si potrebbero raggruppare sotto l’etichetta di “Armaghedon”, alias “Gog di Magog”.

L’attacco di questo personaggio, Gog di Magog nella situazione di Armaghedon, fu lungamente annunciato. I profeti hanno spesso parlato di un finale ad effetto ma senza attribuirvi quei fantastici nomi che solo Ezechiele e Giovanni finirono per svelare. Infatti dopo di lui, Ezechiele, gli altri profeti continuarono ad aggiungere informazioni sulla medesima falsariga, in avvertimento riguardo allo stesso temibile nemico. In realtà anche prima  ne avevano parlato. Fin dal tempo di Enoc, prime pagine della Bibbia.

Quando Daniele descriveva il crollo della statua con la testa d’oro dai fragili piedi mischiati all’argilla parlava di lui. Daniele infatti riferisce di un sogno che venne a turbare il riposo del re Nabucodonosor nel secondo anno del suo regno. Egli sognò  di una grande statua fatta di vari metalli, ma con i piedi d’argilla. Daniele spiega al re che l’immagine rappresenta il sorgere e cadere di diverse potenze mondiali a partire da lui, re dei re, Nabucodonosor, maestosamente rappresentato dalla testa d’oro.

 Leggiamo Daniele 2:31-35. “Tu, o re, guardavi, ed ecco, una certa immagine immensa. Quell’immagine, che era grande e che aveva uno splendore straordinario, si ergeva di fronte a te, e il suo aspetto era spaventevole. Riguardo a quell’immagine, la sua testa era di buon oro, il suo petto e le sue braccia erano d’argento, il suo ventre e le sue cosce erano di rame, le sue gambe erano di ferro, i suoi piedi erano in parte di ferro e in parte d’argilla modellata. Tu continuasti a guardare finché una pietra fu tagliata non da mani, e urtò l’immagine ai piedi di ferro e argilla modellata e li stritolò. In quel tempo il ferro, l’argilla modellata, il rame, l’argento e l’oro, tutti insieme, furono stritolati e divennero come la pula dell’aia d’estate, e il vento li portò via così che non se ne trovò nessuna traccia. E in quanto alla pietra che urtò l’immagine, divenne un ampio monte e riempì l’intera terra.”

Eserciti schierati per la guerra di Armaghedon

In Rivelazione 19:19-21 Giovanni descrive di una situazione che ha stretta relazione con quella dell’immagine di Nabucodonosor. “E vidi la bestia selvaggia e i re della terra e i loro eserciti radunati per far guerra contro colui che sedeva sul cavallo e contro il suo esercito. E la bestia selvaggia fu presa, e con essa il falso profeta che aveva compiuto davanti ad essa i segni con cui aveva sviato quelli che avevano ricevuto il marchio della bestia selvaggia e quelli che rendono adorazione alla sua immagine. Mentre erano ancora vivi, furono entrambi scagliati nel lago di fuoco che brucia con zolfo. Ma i restanti furono uccisi con la lunga spada di colui che sedeva sul cavallo, la quale [spada] usciva dalla sua bocca. E tutti gli uccelli si saziarono delle loro carni.” Questa situazione, in base a Rivelazione 16:16, va sotto il nome di Armaghedon. Lì Giovanni scrive: “E li radunarono nel luogo che in ebraico si chiama Har-Maghedon.”

I versetti di cui sopra sono versioni simili della stessa situazione, Armaghedon che sempre si associa a un altro enigmatico personaggio, il temutissimo Gog di Magog. Lui e i re della terra di Rivelazione 19:19 sono la stessa entità. Il simbolico numero totale dei re è 10 come 10 sono le dita dei piedi d’argilla mescolate col ferro. Nel prossimo articolo proseguiremo nell’osservazione delle dita dei piedi della statua e nel loro stretto rapporto con la leadership organizzativa dei Testimoni di Geova.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...