Nascita della banca d’ Inghilterra

Articolo N. 67

In questo numero riprendo e commento le informazioni trovate nell’articolo: “Le origini segrete della Banca di Inghilterra” di Stephen Goodson.

Nell’ ottavo secolo dopo Cristo in Inghilterra si iniziò ad usare la moneta sotto il re Offa. Contemporaneamente vennero emesse delle leggi contro la pratica dell’usura. Così veniva chiamato l’interesse applicato al denaro dato in prestito. Si trattava dei primi tentativi di fare signoraggio con la moneta di quel paese. Infatti la scarsità di denaro portava alcuni ad avere necessità di chiedere prestiti e il denaro veniva quindi imprestato da chi ce l’aveva. Naturalmente il servizio non era gratuito e chi faceva il prestito applicava un interesse. Così facendo metteva in circolazione del denaro che assumeva un valore nominale superiore a quello effettivo. Queste monete infatti avevano un valore intrinseco in quanto erano di metallo prezioso, anche se di argento e non di oro, vista la scarsità di questo bene.

Ovviamente l’utilizzo della moneta e l’applicazione degli interessi nasce molto prima. Già nel secondo millenio a.E.V. esisteva a Babilonia un avanzato sistema creditizio. Il codice di Hammurabi fissa al 20% l’interesse legittimo sul denaro e sui cereali, e dichiara che l’interesse superiore provoca la perdita della somma prestata. Dio vietava nella Bibbia l’applicazione di interessi nel caso di prestiti a persone nel bisogno (Esodo 22:25). Questa legge, sulla base del principio dell’amore e della compassione verso il prossimo, continuerebbe ad essere valida ma, a quanto pare, i banchieri giudaici non trovano obiezioni nel defraudare chi non è ebreo. Infatti, perfino il Talmud, che sono i commenti rabbinici sulla tradizione orale del IV-V secolo d.C., li autorizza a fare distinzione tra questi due grandi gruppi, giudei e goim, o gente delle nazioni. Naturalmente non voglio generalizzare applicando caratteristiche negative ad un popolo intero.

Molti ebrei giunsero in Inghilterra nel 1066. L’occasione fu quella di una guerra, quella contro Harold II ad Hastings che fu voluta e finanziata dagli ebrei stessi. Per il sostegno dato ai re francesi essi ricevettero l’autorizzazione a praticare l’usura con la protezione reale. La pratica di finanziare guerre da parte degli ebrei è durata fino ad oggi. Per esempio le guerre dell’oppio in Cina furono una loro iniziativa.

Fomentare la guerra permetteva e permette di gettare gli stati nella trappola del debito. Tali guerre poi furono spesso condotte contro stati dotati di indipendenza monetaria. In questo modo gli usurai riuscivano e riescono ad appropriarsi di intere nazioni, a capo delle quali mettono governi fantoccio, conniventi e pronti a farsi finanziare dalla moneta privata.

Gli ebrei in Inghilterra facevano pagare ratei di interesse del 33% l’anno sui terreni ipotecati e del 300% l’anno sugli strumenti del mestiere. Nell’arco di due generazioni un quarto delle terre era finito in mano degli ebrei. Ricorrevano all’imbroglio vendendo merci diverse con un’unica licenza e limando le monete di argento e poi placcando con l’argento ottenuto dei lingotti di stagno. La loro attività aveva compromesso lo sviluppo economico dell’Inghilterra dell’undicesimo secolo.

Il tutto durò fino al 1200. Nel 1233 e nel 1275 vennero approvate leggi antiusura. Nel 1290 i 16000 ebrei di Inghilterra vennero costretti a lasciare il paese. Con la cacciata degli ebrei e l’utilizzo di moneta senza interessi e svincolata dalle risorse naturali (il governo usava i tally sticks – bastoni di legno con le tacche) il paese visse un periodo di ricchezza e abbondanza.

I tally sticks vennero usati in Inghilterra per molti anni. Ebbero enorme successo e diffuzione in quanto non avevano alcun valore intrinseco ma solo valore nominale. La loro produzione dunque non depauperava lo stato e non creva alcuna inflazione. Il re poteva regolarne la quantità in circolo in modo da ottenere gli effetti voluti sull’economia.

Concludo questa prima parte con una domanda. Ci vorrebbe tanto a metterci daccordo e fare una moneta alternativa come i Tally Sticks?

Tally sticks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...