Canaan, il figlio illegittimo

Articolo N. 43

Genesi 9:20 racconta di un avvenimento increscioso. Noè cominciò come agricoltore e piantò una vigna. Bevve vino e si ubriacò. Successe il putiferio. Quando Noè si rese conto dell’accaduto maledisse Canaan. Come mai se la prese con il figlio giovane di suo figlio, visto che era stato il padre Cam a recargli l’offesa? Cosa era accaduto di tanto grave? A quanto dice la Genesi, il padre di Canaam vide la nudità di suo padre. Cosa significa questo? Nelle Scritture la nudità di un uomo è sua moglie: “Non devi scoprire la nudità della moglie di tuo padre. E’ la nudità di tuo padre.” (Levitico 18:8)

Ecco perchè “Sem e Iafet presero un mantello e se lo misero sulle spalle di entrambi e camminarono camminando all’indietro. Così coprirono la nudità del loro padre, mentre le loro facce erano voltate, e non videro la nudità del loro padre.” Tutto questo accadeva mentre Noè era ancora addormentato, appesantito dal vino. Ma dopo un po’ si sveglia. E ” quando si svegliò dal suo vino seppe cosa gli aveva fatto il suo figlio più giovane.” Cosa gli aveva fatto? Qualcosa di molto umiliante. L’aveva probabilmente evirato.

Tracce di queste vicende stanno sepolte nell’antichità del mito. Chi conosce un pochino la mitologia ricorderà senz’altro l’evirazione di Urano da parte dei suoi figli e quella successiva di Crono. Come dire che il mito conservasse notizie di una qualche paurosa  vicenda. Qui infatti si aprirebbe un vasto capitolo che affronteremo in seguito, quello dell’apoteosi o divinizzazione degli antenati. Cioè che le divinità classiche non sarebbero altro che antichi progenitori divinizzati.

La figura di Noè sarebbe pertanto ravvisabile in divinità tipo Crono, Giano bifronte (colui che chiude con il mondo di Adamo e apre con il nuovo), Visnù, etc. Oppure in eroi tipo Enea e quant’altri. Caino in figure come Shiva, Atena, Marte, Talo. Etc, etc…

Per adesso, rimaniamo sulla faccenda di Noè. L’implicazione sarebbe che Cam abbia avuto rapporti con sua madre e il frutto di tale atto incestuoso sia stato il concepimento di un figlio,  quello che viene maledetto sotto l’appellativo di Canaan. Proviamo a immaginare la situazione. I figli di Noè, specialmente Cam e Iafet, si integrano sempre più nel mondo nel quale sono venuti a trovarsi, dopo lo sbarco. Forse, preferiscono scavalcare l’autorità del padre. Vogliono una gestione diversa della situazione. Pensano di esautorarlo e Cam approfitta dell’occasione. Si sarebbe fatta una bella festa in famiglia e bevuto del nuovo vino.

Noè beve e finisce nella tenda di sua moglie. Le parole della Genesi sono queste: “E beveva del vino e si inebriò, e quindi si scoprì nel mezzo della sua tenda.” In ebraico ‘la sua tenda’ corrisponde a un possessivo femminile, tipo l’inglese her tent, cioè la tenda di una donna. Quindi Noè pensava legittimamente di avvicinarsi a sua moglie. Ma d’improvviso Cam fa irruzione e combina il patatrac. Poi, non contento di agire nel segreto, “andò a riferirlo fuori ai suoi fratelli.” Voleva umiliare pubblicamente suo padre.

Che volesse che la cosa fosse risaputa è del tutto evidente. Però i suoi fratelli cercano di coprire le nudità con un mantello. Lì, forse, scoprono anche il macello. Noè intanto si rende conto dell’accaduto e capisce. Maledice pesantemente Canaan.  Quando nasce un nuovo piccolo a sua moglie il caso diventa uno scandalo.

La vita di un figlio illegittimo non è mai un percorso facile. Viene allontanato dal resto della famiglia e finisce per vivere soprattutto con gli altri, i cananei. Diventa uno di loro, condividendone il modo di essere e di pensare, secondo la parola profetica del nonno, Noè. Il figlio di Cam diventa un cananeo a tutti gli effetti.

Ormai i discendenti di Noè si sono del tutto integrati nella società intorno a loro. Nimrod sarà un altro dei nipoti di Cam, potente cacciatore in opposizione a Geova, fondatore di grandi città, tipo Babele, Ninive, Accad e Calne. Nuove civiltà, nuovi imperi stanno venendo alla luce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...