Verità scientifica: solo illusione?

 Articolo 21

Ci sono ancora grandi verità da svelare, se avessimo il coraggio di esprimerle e la volontà di accettarle. Freeman Dyson

La scienza ufficiale oggi non è diretta nella direzione della verità.  Sembrerebbe che una specie di congiura abbia preso forma nel corso degli anni, ideata con l’obiettivo di coprire le prove. Probabilmente solo un pugno di uomini dotati di un certo carisma personale sono stati in grado di costruire un’interpretazione del mondo che non può più essere messa in discussione. La libertà scientifica rimane un’illusione. Gli scienziati devono stare dentro i limiti delle regole imposte e solo i coraggiosi osano andare oltre.

Al giorno d’oggi, nonostante i grandi progressi compiuti dalla tecnologia, gli uomini di scienza sono ancora a un punto fermo. Devono rimanere dentro i vecchi concetti teorici e non riescono a uscirne. A causa della debolezza della ragione umana, i fondamenti scientifici rimangono non provati. La scienza può fornire indizi, non può dare prova assoluta dei suoi principi. Si può capire qualcosa dall’osservazione, ma, dal momento che le osservazioni non sono mai definitive, non si può essere certi se la verità sta in pugno. Tutto questo può portare ad una domanda: è ragionevole basare le nostre convinzioni su modelli così incerti credendo di possedere la verità?

Bertrand Russell fornisce una simpatica descrizione. Un tacchino di allevamento decide di formarsi una visione scientificamente fondata del mondo: “Il tacchino ha rilevato che, per la sua prima giornata nell’ allevamento, ha mangiato alle 9 del mattino. Essendo un buon tacchino intelligente decide di non saltare subito alle conclusioni. Aspetta di aver raccolto un gran numero di osservazioni  nelle varie circostanze. Ogni giorno aggiunge un’altra nota alla sua lista. Alla fine si  convince di aver raccolto una serie sufficiente di prove per arrivare alla conclusione che “ alle 9 del mattino mi danno sempre da mangiare”. Tuttavia, la mattina della vigilia di Natale non gli hanno più dato niente, ma invece gli hanno tirato il collo”. Naturalmente, quando si gioca alla roulette russa il fatto che il primo colpo vada in porto è di poco conforto per il tiro dopo.  Da questo si comprende che la conoscenza scientifica è provvisoria e mutevole.

Questo breve aneddoto ha una lezione da insegnare: si deve essere cauti nel fare previsioni, siccome molti in passato hanno dimostrato di non averci azzeccato. Prendete, per esempio, la previsione fatta nel 1943 sul futuro del computer da Thomas J. Watson, fondatore di IBM: “Penso che ci sia un mercato mondiale per circa cinque computer”. Col senno di poi si capisce che questa è un’affermazione discutibile, dato che oggi abbiamo miliardi di computer! E’ nella natura della scienza che noi gente comune si debba ricercare la verità nell’ignoto, che è così vasto e complesso che le nostre previsioni saranno sempre limitate dalla nostra ignoranza del futuro.

Spesso si presume che la scienza possa rivelare la verità. Tuttavia la scienza sembra incapace di raggiungerla. La verità è uno dei temi centrali in tutti i campi. E ‘stato un argomento di discussione per migliaia di anni e anche una grande varietà di studi di filosofia della scienza vi fanno riferimento. Ma, sorprendentemente, anche se la scienza ci potrebbe portare alla verità, non avremmo modo di sapere che ciò che possediamo sia la verità. Perché no? Perché la scienza non può fornire la prova definitiva dei suoi principi. La scienza fornisce unicamente degli indizi. A volte l’evidenza di una teoria scientifica può sembrare molto forte. Ma anche in questo caso non possiamo sapere se le osservazioni o gli esperimenti futuri confermeranno o contraddiranno la teoria.

Allora, dove ci porta il ragionamento? Data la mutevolezza della scienza di chi ci possiamo fidare? Se la scienza dichiara la terra essere un globo, ma la bibbia mostra il contrario, a chi crederemo? Gesù disse: “La tua parola è verità”. Giovanni 17:17

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...